Valsesia Lancia Story

Club
L'Anticipo
Iscrizioni
Eventi
Ricordi
Museo Lancia
Villa Lancia
Via Lancia
Fondo Bibliografico
Premio Lancia
Federazione ASI
Video
Stampa e Giornali
Eventi
Lancia
Lancia
Contatti
Club
Club

La Lancia

1906

Il 27 novembre viene costituita a Torino davanti al notaio Ernesto Torretta con un capitale di 100 mila lire la società "Lancia & C.". I soci fondatori sono Vincenzo Lancia e Claudio Fogolin. Per la sede vengono due locali della ex-officina Itala in via Ormea.


1907

Un incendio distrugge la quasi totalità di quello che è presente nelle officine di via Ormea. Anche i disegni delle auto vanno persi e quindi si deve rimandare l'uscita del primo modello.


1908

Nasce il modell 51 - 18/24 HP denominato Alfa. Il costo è di 10.000 lire e quasi tutti gli esemplari prodotti finiranno nei più ricchi mercati di Stati Uniti e Australia. Non mancano le vittorie: nello stesso anno e nel 1910 sui circuiti di SavannaH, mentre nel 1909 giunge 3a alla Targa Florio.


1909

Nasce la Beta con il primo motore monoblocco


1910

E' la volta della Gamma.


1911

Il 14 gennaio la Lancia & C., a seguito dell'aumento di produzione, si trasferisce in via Monginevro.


1911

Nasce la Delta con una produzione di 303 esemplari.


1912

Viene creata la Epsilon e l'autocarro tipo 1 Zeta utilizzato nelle campagne di Nord-Africa dalle truppe italiane.


1913

Con il primo impianto elettrico montato su una auto e le prime ruote in lamiera o a raggi metallici viene costruita la Theta.


1915

Durante la guerra vengono prodotti gli autocarri Jota e Diota anche per uso militare


1919

La Kappa con 70 cavalli, il piantone dello sterzo con posizione variabile, la leva del cambio al centro e l'avviamento elettrico a pedale dimostrano l'avanguardia raggiunta dalla Lancia in campo automobilistico. Dalla Kappa discenderanno la Dikappa e la Trikappa.


1922

Inizia la produzione della Lambda. L'auto delle innovazioni per eccellenza che arrivano ancora ai giorni nostri: scocca portante, sospensioni anteriori indipendenti, sistema di frenata su tutte le ruote. Partecipa alla prima edizione della Milla Miglia del 1927.


1928

Più lussuosa la Dilambda che presenta le novità del serbatoio nella parte posteriore ed un telaio più rigido.


1931

A Parigi viene presentata la prima auto con nomi latini: l'Astura.


1932

Sempre a Parigi viene presentata l'Augusta che presenta le novità dell'albero di trasmissione con giunti a dischi flessibili e con impianto frenante idraulico.


1937

La mattina del 15 febbraio Vincenzo Lancia muore a Torino per un attacco cardiaco.


1937

Pochi mesi dopo la morte di Lancia viene immessa sul mercato l'Aprilia che è considerato da molti il testamento professionale del fondatore della casa Torinese. Il comfort era assicurato dalle quattro sospensioni indipendenti. l'esame che Lancia effettuò alla vettura fu positivo; la sua esclamazione "...che macchina magnifica !" racchiude già tutto.


1939

Dalla Aprilia discende l'Ardea più piccola e con prestazioni più ridotte. Viene prodotta anche nelle versioni camioncino e furgone.


1942

A seguito dell'entrata in guerra dell'Italia, anche la Lancia subì le conseguenze dei bombardamenti alleati che distruggono gli stabilimenti di Torino e l'ano successivo quelli di Bolzano.


1950

Al salone di Torino viene presentata l'uscita della Aurelia che vanterà 6 versioni di grande prestigio ed eleganza. Con l'Aurelia la Lancia torna ufficialmente nel mondo delle competizioni.


1953

Se l'Aurelia era una auto ad alti livelli, per la gente "comune" viene creata l'Appia. Con l'Appia 3° serie scompare la forma a scudo della mascherina.


1955

Con la D50 la Lancia entra ufficialemnte nel modo della F1


1957

Pininfarina elabora autonomamente la Florida che non discende dalla Aurelia, da cui prende le caratteristiche del motore, ma che dava il là alla nascita della Flaminia


1957

Nasce la Flaminia che era caratterizzata, tra l'altro, dalla sfarzosità degli interni. Da questo modello nasce l'auto della Presidenza della Repubblica Italiana che ancora oggi viene usata per la cerimonia di insediamento dei nuovi presidenti. Nasceranno cinque modelli, quattro delle quali curate da carozzieri esterni: coupè Pininfarina, coupè e convertibile Touring, sport


1958

Con quattro cilindri orizzontali contrapposti e con 1500 cc di cilindrata nasce la Flavia. E' nuovo anche il quadro strumenti con il tachimetro a nastro invece che a lancette.


1960

La Lancia passa sotto il controllo di Carlo Pesenti


1963

La Lancia propone sul mercato la Fulvia. Il motore torna a V con una versione iniziale da 1100 cc


1965

Dalla Fulvia nasce la versione coupè che risulterà essere uno dei coupè più venduti della casa automobilistica torinese. Trionferà nel rally del 1972 con l'accoppiata Munari- Mannucci.

Automobili

Autocarri e Bus

Mezzi Militari

Valsesia Lancia Story

Dal 1995 a Fobello...dove Vincenzo Lancia nacque

Federato ASI